Macron 365: cosa salvare dopo il primo giro di boa

Lorenzo Candelaresi World / Politics maggio 7, 2018

È passato all’incirca un anno dall’insediamento di Emmanuel Macron all’Eliseo. Il 14 maggio scorso, infatti, il tradizionale passaggio di consegne con il capo di stato uscente formalizzava la vittoria del leader del nuovo partito europeista francese, La République En Marche. Nell’arco di un anno l’Enfant prodige di Amiens è riuscito a gettare le basi per una gran parte del suo programma di riforme, ma la sua opera di rinnovamento del Paese non è riuscita ancora a far breccia nell’animo vigile del popolo francese.

Social Trump: 5 cinguettii che mandano a rotoli il Going Public

Lorenzo Candelaresi IT / Politics maggio 7, 2018

A partire dagli anni Ottanta, nel corso del doppio mandato di Ronald Reagan, prese forma una nuova stagione della politica: quella della cosiddetta campagna permanente. La campagna diventava permanente soprattutto perché lo sforzo comunicativo rimaneva costante e, da quel momento in poi, ogni presidente ha trovato le sue narrazioni e il suo stile retorico personale e la presidenza retorica è diventata un dato istituzionalizzato.

Curiosità e innovazioni: la comunicazione diventa stellare.

Lorenzo Candelaresi Curiosità e innovazioni maggio 7, 2018

Chi sicuramente non correrà il rischio di finire nella rete della costellazione di Musk è Starman che, ormai sparito dalla vista di gran parte dei telescopi terrestri, dovrà ora preoccuparsi di un’unica connessione: quella della frequenza radio della sua Tesla per sentire Bowie gridare ancora una volta il suo nome.

Curiosità e innovazioni: l’azienda ideale non è un’utopia.

Elisabetta Marzatico Curiosità e innovazioni marzo 13, 2018

Tempo libero retribuito ai neo-proprietari di
cani e gatti:
la notizia, d’oltreoceano, arriva dal proprietario di un’azienda di New York e sta facendo, in poche ore, il giro del web. La maternità, o paternità, per chi possiede un animale domestico si sta affermando soprattutto nelle grandi metropoli degli Stati Uniti, dove i “pets” si possono già portare con sé in ufficio.

L’applicazione dell’Intelligenza Emotiva nell’ambito del Management.

Elisabetta Marzatico Emotional Marketing febbraio 27, 2018

Vuoi fare team building nella tua azienda e non sai come fare?
Vuoi ovviare alla minore disponibilità alla solidarietà e maggiore competitività del
tuo team di lavoro?
Non temere. La psicologia moderna mette a disposizione del Manager odierno uno strumento infallibile: l’Intelligenza Emotiva.
L’Intelligenza Emotiva (I.E.) è la capacità di capire i sentimenti degli altri al di là delle parole, qualcosa che ci spinge alla ricerca di benefici duraturi piuttosto che al soddisfacimento degli appetiti più immediati e che ci consente di governare le emozioni guidandole verso direzioni più vantaggiose.